Gli allevamenti stanno distruggendo la Terra, ve lo dico terra-terra!

Parliamoci chiaro: perché scegliere di non mangiar carne non è solo una questione animalista

 

Diversamente dal solito, userò per questo articolo un linguaggio molto diretto per parlarvi di un problema estremamente urgente che non necessita di austere locuzioni né di tecnicismi scientifici. Dobbiamo capirci da uomo a uomo, non da scienziato a lettore, per evitare le ipocrite scuse di chi poi ci dirà: “Veramente? Non lo sapevo!”.

Non mangio carne (neanche pesce), non bevo latte (se non vegetale) e cerco di consumare uova e formaggi solo se biologici e con estrema moderazione. A questo incipit in molti mi porrebbero almeno tre domande fondamentali. La prima è: cos’altro ti resta da mangiare? La seconda: sei animalista? Segue la terza: quindi sei vegetariano o semi-vegano?

Le risposte, in sequenza, sarebbero: moltissimo e con più gusto; preferirei definirmi ecologico; più che altro cerco di essere sostenibile.

Per ognuna di queste risposte sarebbe possibile scrivere saggi interi, ma qui mi limiterò a spiegare il perché scegliere di non mangiar carne non è una mera questione animalista.

È noto a molti che l’allevamento degli animali per la produzione globalizzata di carne, oltre a distruggere le foreste per lasciar posto ai pascoli, produce un notevole inquinamento dovuto al trasporto della carne, all’utilizzo di antibiotici e all’inquinamento del suolo. Ciò che è meno risaputo è che la produzione di carne d’allevamento immettere in atmosfera una quantità di gas climalteranti (cioè che alterano il clima del nostro pianeta molto più velocemente del normale) superiore a qualunque altra attività umana (come trasporti, riscaldamento domestico, industria, agricoltura, etc.) e causa un’enorme perdita di risorse alimentari vegetali che potrebbero essere destinate a sfamare molte più esseri umani di quanto accade oggi.

Figura 1 Energia impiegata e numero di persone sfamabili per ettaro di terra coltivato per il consumo diretto dei vegetali o per alimentare il bestiame d’allevamento

Quindi, al di là che vi dispiaccia (e dovrebbe, in quanto esseri dotati di coscienza e morale) o meno (e significa che non avete mai visitato un allevamento intensivo o un macello, ma provvederò a darvene un assaggio tra poco), il problema degli allevamenti non è solo una “fissazione animalista”.

Sia che a) amiate gli animali; b) vi preoccupiate per il vostro pianeta; e c) siate almeno un po’ depressi quando in TV vi mostrano bambini denutriti (quindi tenete per lo meno ai vostri simili), avete tre buoni motivi per considerare gli allevamenti il vostro nemico numero uno e iniziare a ridurre il consumo di carne (e pesce, ma di questo ne ho già parlato in precedenza: https://www.vglobale.it/2018/05/26/la-speranza-che-vien-dal-mare/).

Ho evitato, fin qui, di fornire numeri e percentuali per mandare un messaggio diretto non a chi già sa, ma a chi è neofita (per quanto lo si possa essere nell’era di internet) sulla questione. So già, però, che questo argomento suscita sempre rivolte “impopolari”, prevalentemente sostenute dalle lobby o dagli scienziati attaccati al loro portafoglio o dagli scemi che vivono nel web.

Pertanto, per sgombrare il campo da qualunque attacco, sarò costretto a fornire qualche cifra per supportare la mia boutade di cui sopra.

Iniziamo dal motivo numero tre che dovrebbe farci aborrire dal mangiar carne: la possibilità di sfamare più bocche. Se, infatti, osservate la produzione di energia (grezza) e il numero di persone che è possibile nutrire con un ettaro di terra da cui si producono cibi di origine vegetale o animale (Figura 1), vi rendete subito conto che il problema della denutrizione sarebbe presto risolto. Certo, c’è la questione dell’ineguale distribuzione delle risorse, ma chi l’ha detto che il nostro pianeta può sostenere senza problemi 6-9 miliardi di esseri umani? Può farlo solo a discapito delle altre specie, depredando gli oceani e tagliando la maggior parte delle foreste. Oppure, diventa necessario mangiare a livelli più bassi della catena alimentare per risparmiare risorse e ridurre le aree coltivate.

Sembrerà assurdo a tanti, ma mangiando alimenti di origine vegetale è possibile sfamare altre 9 persone oltre noi stessi. Se, invece, ci abbuffiamo di carne, latte e derivati (soprattutto bovini) mangiamo noi e… Nessun altro. Questo per una legge ecologica che in molti dimenticano di ribadire:

Figura 2 Piramide alimentare ecologica che mostra la perdita di energia sotto forma di calore e quella trasferita al livello superiore. Si noti che le 1000 kcal dei vegetali diventano solo 1 kcal per i consumatori terziari (come il rapace in questo esempio)

più si sale in alto lungo la piramide alimentare (Figura 2) ovvero, più si consumano specie appartenenti alla categoria dei “consumatori” (primari, secondari o terziari che siano; noi uomini mangiamo prevalentemente i primari – si veda Figura 3), maggiore è la perdita di risorse. Salendo, ad ogni livello della piramide alimentare ecologica, si perde circa il 90% dell’energia. Così, ad esempio, se un ettaro di terra coltivata a grano è in grado di sfamare 10 persone che mangiano pasta, lo stesso ettaro di terra coltivato con un altro cereale destinato, invece, all’alimentazione del bestiame è in grado di sfamare solo una persona che mangia carne.

Da un punto di vista ecologico, appare chiaro che quell’ettaro di terra coperto di vegetali da 1000 kg di biomassa sfama 100 kg di erbivori (se possiamo immaginarli in peso e non in individui), 10 di carnivori e solo 1 di super-carnivoro. Ecco, perché quando consumiamo il tonno o il pesce spada che già sono superpredatori ai vertici della catena alimentare marina, stiamo consumando le risorse che permetterebbero ad altre 9 persone di mangiare acciughe o aringhe e ad altre 100 di alimentarsi di alghe. L’esempio con le alghe, però, non soddisfa i palati di molti… Lo so.

Nei campi coltivati, però, crescono così tante varietà di piante (ben più saporite di molte alghe) in grado di darci tutte le proteine, le vitamine, i sali minerali, i grassi e, associate a qualche uovo di tanto in tanto (magari fatela crescere in giardino la vostra gallina se nemmeno quelle biologiche rinfrancano la vostra coscienza animalista), anche la osannata B12 (motivo per cui si fa terrorismo pseudoscientifico contro i vegani).

Figura 3 Uno schema semplificato che mostra la differenza di calorie acquisite se un essere umano consuma cibi di origine animale o vegetale. Mangiando carne si perde circa il 90% delle calorie che potremmo invece assumere dai vegetali

E, a proposito, smettiamola una volta per tutte di assumere omega 3 dall’olio di pesce, una moda che sta devastando il mare, e fermiamoci a riflettere sul fatto che se servono 100 kg di scarti di pesce per produrre 1 ml di olio, ma bastano 10 kg di semi di lino per produrne 100 ml con lo stesso quantitativo di omega 3.

Questo divagate ci riporta al secondo motivo per ridurre il consumo di carne e il numero di allevamenti: dovremmo tenere di più al nostro pianeta. Perché, dopo aver permesso ad altre 9 persone di mangiare, avendo consumato un pasto prevalentemente o del tutto vegetale (un’azione ben più significativa di una donazione a una qualunque associazione che ci “promette” di sfamare i poveri), forse riusciremo a fare un salto di coscienza al livello superiore della piramide morale, questa volta, e inizieremo a pensare che la produzione di un solo hamburger è in grado di eliminare 5 metri quadrati di foresta (Figura 4). Ebbene sì, perché per coltivare quel frumento o quella soia che finirà in pasto non a un essere umano ma a un’enorme mucca da carne serve spazio e lo spazio sulla Terra è limitato, per questo bisogna tagliare le foreste. Per tale ragione, sostenevo prima, che mangiando carne il pianeta NON sarà in grado di

Figura 4 Una rappresentazione metaforica dell’impatto ambientale di un hamburger sulla foresta

sostenere a lungo 6-9 miliardi di esseri umani. Di cui, tra l’altro, più della metà vive in paesi in via di sviluppo e sovrappopolati dove si consuma carne anche a colazione!

Non ce la faremo e lo stiamo già vedendo. In più, le emissioni di gas a effetto serra, prevalentemente di metano (che non escono dall’ano, per farla in rima, al contrario di quello che molti credono, ma dalle eruttazioni dei bovini che fermentano nello stomaco e non nell’intestino), provenienti dagli allevamenti, rendono davvero ridicoli i moniti di quegli ambientalisti mangiatori indifferenti di carne che, però, a casa spengono la lucina rossa perché inquina o mettono le lampadine al led a basso consumo. Poi però, sotto una tiepida luce a basso consumo e con la TV sempre spenta, mangiano una bella bistecca 3-4 volte a settimana e vanificano tutto quanto!

E ora, finalmente, tutto questo ragionamento ci porta al motivo numero uno (forse non per importanza, ma per decenza) per scegliere di alimentarsi in maniera vegetariana (o, almeno, ridurre al minimo il consumo di carne, latte e derivati) evitando tutto quanto detto sopra, ma anche tutto quanto (scusate ma non possiamo più permetterci di essere ciechi, se volete chiudete gli occhi ma non la vostra coscienza) vi mostro in quest’ultima immagine, senza bisogno di didascalie e spiegazioni.

 

Roberto Cazzolla Gatti, PhD

Biologo ambientale ed evolutivo

Professore associato presso la Tomsk State University, Russia

Ricercatore associato presso la Purdue University, USA

 

Pubblicato su Villaggio Globale – Trimestrale di Ecologia n° 83 di Settembre 2018

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.